Aquapark

Cappadocia

Cappadocia, una delle grandi meraviglie del mondo per i paesaggi naturali scolpiti dalla forza della natura, unica per quanto riguarda storia, arte e paesaggio, ricca di “monumenti naturali” che vento e pioggia nel corso dei secoli hanno modellato in enormi “funghi” di pietra chiamati “i camini delle fate”. All’opera della natura si è aggiunto il lavoro degli uomini che crearono chiese e monasteri scavati nella roccia, complessi sempre più ampi fino ad arrivare a vere e proprie città sotterranee.

Il panorama incantevole dei "Camini delle fate" infatti non è la sola attrazione della Cappadocia. All'interno delle formazioni laviche coniche delle valli di Goreme e di Zelve si celano chiese rupestri e cappelle decorate con suggestivi affreschi di epoca bizantina. Si dice che le chiese siano circa tremila. Ma c’è di più, qui, per secoli e secoli, le popolazioni locali crearono i loro rifugi sotto il livello del suolo. Per sfuggire alle persecuzioni e ai saccheggi gli abitanti scavarono sottoterra intere città, dotate di pozzi di aerazione e articolate in zone dormitorio, refettori, depositi di grano, magazzini, stalle, cucine comuni e luoghi di incontro. Per chi non soffre di claustrofobia, la città sotterranea di Kaymakli di dimensioni impressionanti, vale veramente la pena di essere vista. Proseguendo sulla strada appena fuori Goreme, si entra in una delle valli più belle della zona. Formazioni rocciose di un mondo fantastico appaiono innanzi a voi, attirando il vostro sguardo su questa meraviglia del creato. Salendo lungo la gradinata fino in cima alla Fortezza di Uçhisar, si puo’ godere di una magnifica vista panoramica di tutta la regione sottostante.

Tappeti, kilim si possono acquistare dall’unica scuola dei tappeti. Pasabag,Il nome di questa località significa "il vigneto di Pacha", dove Pacha sta per "Generale" (rango militare), che è anche un soprannome molto comune in Turchia. Qui, proprio nel mezzo di un vigneto, si osservano notevoli costruzioni a forma di fungo realizzate nella roccia. La località è detta anche Monks Valley (valle dei monaci) proprio grazie a queste formazioni in tufo intagliate a forma di cono, suddivise a loro volta in coni più piccoli, che in passato servivano da rifugio agli eremiti. All'interno essi avevano scavato la roccia dal basso verso l'alto fino a creare stanze alte 10-15 metri, dalle quali uscivano solo occasionalmente per prendere il cibo e le bevande offerti dai discepoli. Lo stile di queste formazioni è nella valle di Pasabag unico e particolarmente interessante

informazione subito